Dimissioni immediate del ministro azzolina

  • clara banelli
    • Sergio D'Alessandro ha firmato la petizione 23 ore fa
    • Bruno Rinarelli ha firmato la petizione 9 giorni fa
    • Giuseppe Motta ha firmato la petizione 12 giorni fa
    Firme: 0/20000
  • È inaccettabile che a pochi giorni dal ritorno sui banchi di scuola di 8 milioni di alunni dopo mesi di buio educativo il Ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina non abbia prodotto e attuato quattro idee da mettere in fila per una ripartenza sicura e serena per gli 8 milioni di famiglie italiane stanche, provate e indignate dal clima di incertezza totale sul tema scuola.


    Il Ministro che ha mostrato pressapochismo non quando totale inadeguatezza in diverse occasioni, non è stato in grado neanche di avvalersi di una Commissione Tecnico scientifica che fosse all'altezza di colmare il vuoto di idee e proposte nonostante la presenza di tecnici e professionisti del settore.


    Bocciate le proposte delle Associazioni di genitori che hanno ripetuto per mesi anche con il Flash mob del 18 giugno davanti a Piazza Montecitorio, che la soluzione al distanziamento sociale nelle scuole era su un piatto d'argento utilizzando le 12.000 sedi di scuole paritarie sparse in tutto il territorio nazionale e immediatamente pronte all'uso.


    Invece no si è preferito farne chiudere a centinaia per motivi ideologici del Movimento 5stelle proponendo soluzioni alternative di fatto impraticabili...b&b, caserme, teatri, cinema...tutte soluzioni da adeguare allo scopo, predisporre, organizzare, creare convenzioni etc... quando le Paritarie con locali ampi, perfettamente norma e pronte subito allo scopo avrebbero risolto il grave problema dell'ammanco di ancora 20.000 aule da individuare.


    Dopo tanta chiusura ideologica e il grandissimo lavoro di associazioni impegnate sulla libertà di scelta educativa della famiglia, il Ministro si è detto favorevole all'utilizzo dei locali delle paritarie non chiarendo però che niente di tutto questo può gravare sulle famiglie che hanno diritto senza oneri di spesa a scegliere in questo momento la scuola pubblica statale o paritaria che merita maggior fiducia per ripartire in serenità.


    La famiglia soprattutto quella più fragile deve vedere riconosciuto il diritto alla libertà di poter scegliere utilizzando- il costo standard per allievo- la scuola dove iscrivere il proprio figlio, al quale sia garantita un'aula, un banco secondo misure di sicurezza e il trasporto.


    Non può essere maltrattata così la Famiglia che ha contribuito in emergenza alla tenuta psicofisica di tutto il tessuto familiare, tra DAD, lavoro, nonni a carico, paure, perdita del lavoro e lutti , ora non può subire anche la beffa di dover prevedere che forse proprio i suoi figli rientreranno in quel 15% di alunni orfani di aule! Mancano all'appello 20.000 aule!


    Gli 8 milioni di studenti pronti a tornare sui banchi di scuola non avranno subito neanche i banchi!


    Era indispensabile il famoso metro buccale tra gli alunni, ma poi si è scoperto che per i primi tempi, se ne potrà fare a meno visto che i banchi non saranno disponibili prima di Ottobre!


    Non parliamo del motivo ignoto a troppi, sulla nazione di provenienza, dei banchi rotanti ...


    C'è un serissimo problema con i trasporti tutto è in balia di onde anomale che travolgeranno tutto il sistema pubblico di istruzione italiano.


    Per questo e per moltissimi altri e gravi motivi chiediamo al Presidente del Consiglio Conte e al Presidente della Repubblica Mattarella di sollecitare le dimissioni immediate del Ministro dell'istruzione Lucia Azzolina!

  • Firma questa petizione
  • Politica

Informativa
Noi utilizziamo cookie o altri strumenti per finalità tecniche e, previo il tuo consenso, anche cookie o altri strumenti di tracciamento, anche di terze parti, per altre finalità (“interazioni e funzionalità semplici”, “miglioramento dell'esperienza”, “misurazione” e “targeting e pubblicità”) come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, noi e terze parti selezionate, potremmo trattare dati personali come i tuoi dati di utilizzo, per le seguenti finalità pubblicitarie: annunci e contenuti personalizzati, valutazione degli annunci e del contenuto.

Per selezionare in modo analitico soltanto alcune finalità è possibile cliccare su “Personalizza”.

Chiudendo questo banner tramite l’apposito comando “Continua senza accettare” continuerai la navigazione del sito in assenza di cookie o altri strumenti di tracciamento diversi da quelli tecnici.