Stop alle morti evitabili provocate dagli apparati sanitari per contrastare la pandemia covid

  • Andrea Biondi e diretta a Magistratura nazionale ed internazionale, esercito e forze dell'ordine.
    • Sergio D'Alessandro ha firmato la petizione 16 giorni fa
    • Stefania Spadafora ha firmato la petizione 14 giorni fa
    Firme: 0/25000
  • Procedure sanitarie ragionevoli coi vaccini covid! È l’interrogativo posto dall‘Avvocato Alessandro Fusillo che, insieme al Dott. Franco Trinca ha depositato una denuncia contro il Governo per i danni causati dalla gestione della pandemia. Stando a quanto riportano nel documento, infatti, non solo delle cure contro il Covid esistono, come esistono anche dei farmaci efficaci che sono già in uso presso la medicina di base e la medicina ospedaliera, ma oltretutto sin dall’inizio della pandemia, sono centinaia e centinaia i medici che hanno curato i loro pazienti e che hanno comunicato i loro risultati all’esecutivo. Eppure, ad oggi, si insiste sulla linea del vaccino e delle chiusure come unica forma per arginare l’epidemia. “Io ho paura – afferma l’Avv. Fusillo – sono preoccupato. La gestione della sanità pubblica è in mano a persone che stando ai fatti hanno completamente trascurato quello che sarebbe stato un corso di azione corretto, valido e saggio”. Ecco cosa ha detto insieme al Dott. Trinca a Francesco Vergovich e Fabio Duranti. “Io ho paura. Sono preoccupato. La gestione della sanità pubblica è in mano a persone che stando ai fatti hanno completamente trascurato quello che sarebbe stato un corso di azione corretto, valido e saggio. Se anche non fossero stati convinti, creiamo un confronto. Un’interpretazione molto malevola ma che purtroppo è evidente c’è: una direttiva comunitaria del 2006 che dice che i farmaci sperimentali possono essere provvisoriamente autorizzati alla messa in commercio se non c’è una cura valida alternativa. Noi abbiamo delle terapie sperimentali che vengono addirittura imposte, parlo degli operatori sanitari, perché si continua a dire che non c’è nessuna possibilità di curare il Covid-19. L’ultimo fatto gravissimo è l’appello del Ministero della Salute e dell’Aifa contro il Tar del Lazio che annullava la nota Aifa che sconsigliava l’uso dei farmaci. Se devo mettere insieme i fatti rimango scioccato. Loro stanno combattendo una guerra contro dei farmaci che medici sul campo hanno dimostrato essere efficaci”. QUEST’ULTIMO FATTO È DI UNA GRAVITÀ STRAORDINARIA: Ministero della Salute e dell’Aifa CHE NEGANO L’EVIDENZA DELLA FRODE “VIGILE ATTESA E TACHIPIRINA”, “IL (FALSO) VACCINO È L’UNICA SOLUZIONE”, ECC IMPOSTA A MEDICI ED ASSISTITI A RISCHIO DELLA VITA, CASTIGANDO E MINACCIANDO I MEDICI CORAGGIOSI CHE HANNO AGITO IN MODO DIAMETRALMENTE OPPOSTO SALVANDO DECINE DI MIGLIAIA DI VITTIME PREDESTINATE. QUINDI È IMPOSSIBILE DEFINIRE COSTORO IN BUONA FEDE: NELLA LOGICA DEI FATTI ESSI SONO TERRORISTI GENOCIDI DEL POPOLO CHE FINGONO CLAMOROSAMENTE DI RAPPRESENTARE. È COME SE HITLER E I SUOI UOMINI GOVERNASSERO SEMITI, ROM, O SINTI PRETENDENDO LA LORO FIDUCIA ED UBBIDIENZA. INCREDIBILE, MA CI SIAMO GIUNTI! l’AVV. FUSILLO HA BEN DONDE DI ESSERE PREOCCUPATO…

  • Firma questa petizione
  • Politica

Informativa
Noi utilizziamo cookie o altri strumenti per finalità tecniche e, previo il tuo consenso, anche cookie o altri strumenti di tracciamento, anche di terze parti, per altre finalità (“interazioni e funzionalità semplici”, “miglioramento dell'esperienza”, “misurazione” e “targeting e pubblicità”) come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, noi e terze parti selezionate, potremmo trattare dati personali come i tuoi dati di utilizzo, per le seguenti finalità pubblicitarie: annunci e contenuti personalizzati, valutazione degli annunci e del contenuto.

Per selezionare in modo analitico soltanto alcune finalità è possibile cliccare su “Personalizza”.

Chiudendo questo banner tramite l’apposito comando “Continua senza accettare” continuerai la navigazione del sito in assenza di cookie o altri strumenti di tracciamento diversi da quelli tecnici.