Diritti per le partite iva!

  • Partite iva e diretta a Presidente del consiglio
    • teodoro monti ha firmato la petizione 23 giorni fa
    • Vincenzo Ferruzzi ha firmato la petizione 14 ore fa
    • GABRIELE FERRERI ha firmato la petizione 26 giorni fa
    Firme: 0/150000
  • Eccovi alcuni punti delle nostre battaglie che andremo a negoziare con i rappresentanti governativi propedeutici a contenere l'ascesa dei colossi del web e preservare le attività tradizionali del nostro paese:

    � Tassa unica al 20% per tutte la P.Iva;

    � Riduzione Iva sul Made in Italy;

    � Cassa integrazione per le partite Iva che cessano o falliscono;

    � Malattia, maternità e disoccupazione pagate per i possessori di partite Iva;

    � Fondo Imprese in caso di fallimento;

    � Abolizione minimali dei contributi previdenziali per i primi 10 anni di attività;

    � Arginare l'ascesa delle attività online con un'imposta ulteriore del 30% una tantum su ogni transazione di vendite (esempio Amazon);

    � Limite del contante a euro 12.500,00;

    � Abolizione pec, fatturazione elettronica e registratore di cassa per coloro che fatturano fino a euro 50.000 e per tutti i venditori ambulanti;

    � Condono tombale per ripartire;

    � Sanatoria dei debiti iscritti a ruolo;

    � Riforma del settore del decreto con la modifica del Dlgs.141.2010 e del Testo Unico Bancario;

    � Cancellazione come Cattivi Pagatori entro e non oltre 30 giorni dai S.I.C. (Crif, Ctc, Experia e Assilea) di tutti coloro che hanno regolarizzato la propria posizione debitoria e non possono accedere a nessuna forma di prestito;

    � La regolamentazione di oltre 50 mila abusivi nel settore del credito (che oggi lavorano in nero);

    � La possibilità di mandare in galera sia i dirigenti che gli impiegati bancari corrotti e spregiudicati (oggi protetti da una subdola legge tutta Italiana, Banca popolare Bari ne è l'ultima prova);

    � L'aumento delle erogazioni di prestiti a PMI e famiglie per iniettare liquidità nell'economia reale (necessari per ridurre il Gap dei 300 miliardi erogati in meno negli ultimi anni);

    � L' entrata annuale certificata di 2 miliardi di euro nelle casse dello stato grazie all'abolizione del mono mandato e la possibilità di collaborazione tra agenti in attività finanziaria;

    � e tanto altro ancora

    Negli ultimi 3 anni sono state cessate 3milioni di Partite Iva e hanno chiuso le saracinesche il 25% delle attività tradizionali! Adesso Basta!

  • Diritti

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.