Gli agnelli non risorgono a pasqua!

  • Pasquale Bella e diretta a Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, Consumatori 
    • EMILIA KALAYDJIEVA ha firmato la petizione 20 giorni fa
    • Massimo Pellegrini ha firmato la petizione 12 giorni fa
    • Giuseppe Gigantino ha firmato la petizione 20 giorni fa
    Firme: 0/150000

  • Ogni anno la stessa solita tragedia: milioni di agnelli uccisi per imbandire le tavole durante la Pasqua.
    Spiegateci perché per festeggiare la resurrezione del Signore, c’è bisogno di uccidere tutti questi poveri cuccioli!
    Quella che dovrebbe essere una festa di vita, di rinascita, non è altro che una festa di morte! Una indegna mattanza di povere creature.
    Le vittime della cosiddetta 'Pasqua di sangue' sono cuccioli tra i 30 e i 40 giorni di vita, strappati prematuramente alle loro madri dopo una gravidanza di 5 mesi regolata in modo tale da poterli uccidere quando pesano circa una decina di chili.
    È un mercato spregevole che coinvolge allevamenti, trasportatori, macelli, commercianti e naturalmente i consumatori.
    Aiutateci a fermare tutto questo, condividete e firmate!

  • Animali

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.