Chiediamo una legge contro lo stupro virtuale

  • Ylenia D\'Arcangelo e diretta a Facebook Italia

    Polizia di Stato

    Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

    Ministro dell'Interno Salvini

    Camera dei deputati

    Senato della Repubblica

    Sergio Mattarella, presidente della Repubblica Italiana
    • Maria Rosaria Visconti ha firmato la petizione 17 giorni fa
    Firme: 0/15000
  • Per chi non sapesse cosa sia uno "stupro virtuale", faccio una piccola introduzione.

    E' già da più di un anno che è venuto alla luce un fenomeno meschino ed imbarazzante, che coinvolge per lo più la popolazione maschile dei social (ma anche qualche donna!). Si tratta dell'esistenza di gruppi facebook nei quali vengono scambiate e commentate foto più o meno intime di donne (amiche, parenti, fidanzate ed ex fidanzate) dando spazio ai più bassi e vergognosi istinti. Vi sono commenti di una volgarità e violenza inaudita, che incitano allo stupro, su una piattaforma apparentemente innocua quale facebook.

    Come donna ritengo sia compito delle istituzioni porre un freno a queste violenze verbali, a queste umiliazioni che, qualora la vittima fosse minorenne, ricadono anche in reati già perseguibili. Nonostante le numerose segnalazioni facebook ha dato finora una risposta insufficiente, denunciare alla polizia postale non basta e bisogna quindi fare un passo in più, sperando che l'attenzione dei media e di petizioni come questa possano smuovere l'opinione pubblica e le istituzioni verso una regolamentazione normativa.

  • Diritti

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.