Fermiamo "i campi di concentramento" destinati alla comunità lgbt in cecenia

  • Marco Ambrosio e diretta a Vladimir Putin, Segreteria delle Nazioni Unite (ONU), Comitato contro la Tortura, Human Rights Committee
    • Isabella Odoardi ha firmato la petizione 2 giorni fa
    • Martina Splendore ha firmato la petizione 22 giorni fa
    • Silvana De Bellis ha firmato la petizione 17 giorni fa
    Firme: 0/150000
  • Grave violazione alla “Dichiarazione universale dei diritti umani” firmata dai paesi delle nazioni unite.
    Continuano a Gravi violazioni dei diritti umani compiute dalle autorità in Cecenia, che dalla fine di dicembre 2018 hanno lanciato una nuova ondata di attacchi omofobi in Cecenia.
    «i gay non esistono»: parola di Alvi Karimov, portavoce del presidente ceceno Ramzan Kadyrov. «Se esistessero, ci penserebbero i loro familiari a mandarli là da dove non si torna».
    Una delle peggiori tecniche di tortura si chiama “zvonok Putinu”, nel gergo dei servizi di sicurezza russi. Vuol dire “telefonata a Putin”. Consiste in una dinamo che fa passare scariche elettriche nel corpo del prigioniero, di solito attraverso il lobo dell’orecchio.
    «Vedi che iniziano a girare la manovella, e sai che arriverà, e quando arriva il tuo corpo inizia a tremare, sai cos’è perché ci sei già passato, ma non capisci più cosa succede, urli di dolore che ti scoppia la gola, ti senti cadere, e poi ricomincia». Testimonianza di un sopravvissuto.
    Le cifre sono quelle di una persecuzione sistematica e organizzata dall’alto. Negli ultimi tre mesi, oltre 100 persone sono state detenute illegalmente e in molti casi torturate in sei diversi centri di reclusione nella repubblica caucasica perché omosessuali o presunte tali, secondo il giornale indipendente russo Novaya Gazeta, che ha «prove certe» di quattro uccisioni e sta cercando riscontri su altre morti sospette. Secondo il Cremlino, invece, «non ci sono prove».
    Sembra, inoltre, che le autorità stiano distruggendo i passaporti delle persone, rendendo difficile per loro fuggire dalla Cecenia in futuro.
    La Federazione Russa ha l’obbligo, ai sensi del diritto internazionale dei diritti umani, di proibire la discriminazione e di indagare e perseguire i crimini di odio.
    Prendere tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza di coloro che potrebbero essere a rischio in Cecenia a causa del loro orientamento sessuale, reale o percepito, e condannare nei termini più forti possibili qualsiasi commento omofobico fatto da funzionari contro individui a causa del loro reale o percepito orientamento sessuale.
    DICIAMO BASTA A QUESTA FOLLIA! FIRMA LA PETIZIONE E UNISCITI A NOI.

  • LGBT

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.