Firma per il diritto delle casalinghe al salario minimo garantito

  • Ilaria e diretta a Ministro Pari Opportunità, Presidente del Consiglio dei Ministri, Presidente della Repubblica, Camera e Senato.
    • Andrea Cino ha firmato la petizione un giorno fa
    • Ilaria Galvan ha firmato la petizione un giorno fa
    • Diletta Morese ha firmato la petizione 2 giorni fa
    Firme: 0/150000
  • Se la ministra delle Pari Opportunità Elena Bonetti pensa di risolvere la questione della casalinghità con il "Bonus casalinghe 2020" di prossima uscita, che prevede corsi di formazione al lavoro e non soldi, dimostra poca conoscenza del lavoro domestico così come è stato disposto dalla Corte Costituzionale nel 1995 (Sentenza Corte Costituzionale n°28 del 19/01/1995 con sui si definisce che "L'attività casalinga è a tutti gli effetti un lavoro, da cui l'intera comunità trae innegabili vantaggi"), oltre che una politica anticostituzionale, discriminatoria e sessista.

    Il succitato Bonus è un provvedimento anticostituzionale in riferimento all'art.1 della Costituzione per cui l'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro, individuando nel "lavoro", senza alcuna restrizione terminologica, la pietra miliare della dignità umana. Discriminatorio e sessista dal momento che a causa del Covid e non solo, moltissimi uomini per scelta o condizioni di vita hanno riscoperto il lavoro domestico e familiare, come attesta l'Associazione Uomini Casalinghi di Pietrasanta (LC) fondata nel 2003 e l'indagine ISTAT sulla povertà (2009 - https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/E-8-2019-001074_IT.html).

    E non ci illudiamo che sia sufficiente la misura in vigore dal 1997 quale il FONDO INPS PER CASALINGHE/I per cui è necessario versare periodicamente dei soldi, qualora si riesca, per vedere uno straccio di pensione...

    Con la petizione si esercita il diritto di sovranità popolare (art.1 Costituzione italiana) e si chiede di colmare il vuoto legislativo concernente l'attività di casalinga con l'erogazione di un salario minimo garantito, il versamento dei contributi da parte dello Stato e quanto altro occorra alla tutela della suddetta categoria lavorativa di cittadini italiani, al fine di non incorrere nelle cosiddette forme di "lavoro nero".

    Firma la petizione
    (almeno 500 Mila firme)


  • Diritti

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.