No alla politica nelle scuole

  • dott. Giorgio Chiummo e diretta a Ministro della Pubblica Istruzione, Presidenza del Consiglio dei Ministri
    • Massimo Sattin ha firmato la petizione 3 giorni fa
    • Pasqualina Giugliano ha firmato la petizione 18 giorni fa
    • Sara Rizzardi ha firmato la petizione 10 giorni fa
    Firme: 0/150000
  • Oggi la scuola deve formare i bravi professionisti del domani, spesso invece a causa dell'indottrinamento politico da parte di taluni insegnanti, si assiste alla formazione di giovani intolleranti nei confronti di chi la pensa diversamente e si creano vere e proprie fratture tra alunni e tra alunni e insegnanti. Questo non è il compito della scuola. E cosa ancor più grave si cerca di relegare in un angolo la storia, gli insegnamenti e le speranze di tante famiglie. C'è un tempo e un luogo per ogni cosa e la politica ha spazi e agorà diversi da quelli scolastici. Questa petizione chiede condanne certe, esemplari e automatiche per chi si arroga il diritto non richiesto di influenzare giovani menti in via di sviluppo con tutto il peso del proprio ruolo di educatore, che in questo modo viene tradito e traviato dagli originali obiettivi. Oltre alla sospensione temporale dall'insegnamento e dallo stipendio dell'insegnante, dovrebbe associarsi anche una valutazione da parte di organi competenti del grado di professionalità raggiunta nel relazionarsi con gli alunni stessi senza manifestare atteggiamenti coercitivi o di plagio e tali determinazioni andrebbero adottate anche nei confronti di chi ha il compito di vigilare (Dirigenti didattici, responsabili, presidi o direttori). La libertà di pensiero dei giovani è l'unica garanzia del futuro di tutti.

  • Istruzione

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.